CHOCOLA' Sandalo Alto Colore Nero MThqAdueUt

SKU90286477
CHOCOLA' Sandalo Alto Colore Nero MThqAdueUt
CHOCOLA' Sandalo Alto Colore Nero
Questo sito utilizza cookie per migliorare l'esperienza di navigazione, inoltre utilizza cookie di profilazione di terze parti. Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro utilizzo. Per conoscere la nostra Policy sui cookie o modificare le impostazioni del tuo browser consulta la nostra Sandali multicolore per donna Alma en pena G8jOiQ9Q
PEPPA PIG Sandali Bassi bambini argento 5ZBphKCby
Loading...
Sottotitolo
di Elisabetta Villa
23.05.2018
Share to Facebook Share to Twitter Share to LinkedIn Share to Google+

È possibile prevedere quando si verificherà la prossima recessione economica?

Anticipare un crollo del mercato può certamente renderti famoso (magari produrranno una serie o un film su di te come hanno fatto con il celebre "The Big Short").

Ma di certo non è come lanciare una monetina.

La bussola più utilizzata dagli investitori per prevedere una recessione economica è il confronto tra i rendimenti dei titoli governativi degli Stati Uniti a breve termine e quelli a lungo termine.

La regola è molto semplice: se il tasso di rendimento del Treasury a 2 anni supera il tasso di rendimento del Treasury a 10 anni, quello è un segnale che può preannunciare l'arrivo di una recessione.

La sua validità è impressionante in quanto è stata in grado di prevedere correttamente le ultime 5 recessioni a partire dal 1970!

Lo si può vedere da questo grafico messo a disposizione dalla Federal Reserve Bank of St. Louis.

Ogni singola volta che i rendimenti a 10 anni sono scesi sotto i rendimenti di 2 anni, pochi mesi dopo si è verificata una recessione (area colorata in grigio).

Quando la curva americana si inverte (e cioè quando tasso di interesse del decennale è più basso del tasso sul titolo a 2 anni), occorrono in media 17 mesi prima dell’arrivo della recessione.

La prima volta è successo nell’agosto del 1978 e poi 17 mesi più tardi è arrivata la recessione.

L’ultima è stata a dicembre 2005, ma in quel caso si dovettero aspettare 2 anni prima dell’arrivo della recessione.

Esiste un ragione per cui la curva di rendimenti risulta essere un valido segnale per l'anticipo di una recessione. I rendimenti dei titoli obbligazionari sono tipicamente utilizzati per valutare lo stato di salute di un’economia.

Più è ampia la differenza tra obbligazioni a lungo termine e obbligazioni a breve termine di un paese, più la sua curva dei rendimenti è crescente, indicando prospettive economiche sane.

Se le differenze scompaiono, si può assistere ad una curva dei rendimenti piatta o addirittura inclinata negativamente , il che può presagire deboli prospettive economiche - molto probabilmente una minore crescita e una maggiore inflazione.

A che livelli viaggia la curva americana oggi?

Il rendimento del Treasury a 10 anni, ha recentemente superato la soglia critica del 3%, mentre il tasso sul Treasury a 2 anni sta al 2,55%.

Non si può ancora parlare di curva piatta, né tantomeno di curva invertita, visto che esiste un margine di mezzo punto percentuale a favore del decennale.

Tuttavia, negli ultimi 6 mesi il tasso a due anni è cresciuto più del tasso a 10 anni e se questa tendenza dovesse continuare, gli esperti preannunciano il verificarsi di una curva piatta prima della fine del 2018.

Anche se si usa la storia come guida, nulla funziona sempre e per sempre nei mercati, ma se questo evento dovesse verificarsi ti avviseremo!

Ma pur avendo la possibilità di predire la data esatta in cui inizierà la prossima recessione, non è detto che saresti in grado di interpretare correttamente la reazione dei mercati finanziari.

La cosa migliore che puoi fare come investitore è quella di affidarti a professionisti per la costruzione di un portafoglio su misura che ti possa proteggere in caso di variazioni del ciclo economico.

Scopri di più, cliccando .

Share to Facebook Share to Twitter Share to LinkedIn Share to Google+
Informativa ai sensi dell'articolo 13 del Regolamento (UE) 2016/679
Potrebbe interessarti anche
Powered by
Elisabetta Villa Angkor Wat Angkor Tom Ta Prohm Luang Prabang Vientiane That Luang Wat Siskat Xieng Khuan Wat Pu Pianure dei Vasi

Donne al lavoro

Avendo trattato la natura e la cultura locale dell’Indocina è bene ora soffermarsi sul ruolo cruciale che ebbero le potenze coloniali nello sviluppo e nel declino di nazioni come il Vietnam e la Cambogia. Partendo dall’architettura francese coloniale che rimescolò il gusto asiatico non si possono non citare Battabang in Cambogia e Hoi An in Vietnam . La città di Battabang sorge nel mezzo di quella fertile pianura che è chiamata “la ciotola del riso della Cambogia” ed è una vera ode al colonialismo francese che lasciò marcata la sua presenza nel gusto coloniale degli edifici. Hoi An sorge invece sulle rive del fiume Thu Bon, poco distante dalla costa. La città vecchia è un intrico di viottoli e stradine ai cui lati fanno capolino begli edifici coloniali dalle ampie stanze e dagli eleganti porticati. Se il colonialismo europeo in Indocina ha lasciato sicuramente il segno nell’eleganza delle architetture e nella raffinatezza della gastronomia che si è andata a legare con l’eccellenza dei prodotti e della tradizione locale, ha però anche lasciato ferite profonde e dolorose che solo in questi ultimi anni i cambogiani e i vietnamiti stanno cercando di superare. Sia la Cambogia che il Vietnam furono sconvolti per lunghi decenni da terribili guerre. La Cambogia uscì da un logorante conflitto durato cinque anni che vide il partito dei Khmer Rouge salire al potere nel 1975 e infliggere, per i quattro anni successivi, al suo stesso popolo uno dei più crudeli genocidi della Storia; genocidio documentato dal giornalista del New York Times Sidney Schanberg e ripreso nel celebro film Urla del Silenzio . Se Phnom Phen, capitale della Cambogia , è famosa per i suoi edifici storici come il Palazzo Reale e la Silver Pagoda, non si possono non visitare il Museo S-21 sul Genocidio e i cosìdetti Killing Fields , situati a soli 15 chilometri dalla capitale; veri e propri campi di sterminio dove vennero ritrovati gli scheletri di milioni di cambogiani e che documenta un massacro che vide scomparire dalla faccia della Terra quasi la metà della popolazione del paese. In questo contesto è interessante visitare l’Hotel Le Royal di Phnom Phen che, prima della fuga delle ambasciate nel 1975 e dell’entrata in città del terribile generale khmer rouge Pol Pot, ospitò tra i migliori e più coraggiosi giornalisti del XX secolo. Il Vietnam per un lungo e doloroso periodo che andò dal 1960 e il 1975 venne dilaniato da una spevantosa guerra tra il sud filoamericano e il nord comunista del paese. Conosciamo in Europa e in generale in Occidente quanto questa guerra costò in termine di vite umane e quanto fu importante per lo sviluppo di un certo tipo di ideologia rivoluzionaria dei movimenti anti-bellici che invasero il mondo in quegli anni difficili. Per questo motivo in un viaggio in Vietnam è opportuno visitare, oltre alla parte storica dei quartieri coloniale e cinese di Ho Chi Minh City , musei cruciali per la Storia del Paese come il Museo dei Ricordi della Guerra.Un viaggio in Indocina svela i misteri e le bellezze dell’Oriente. Tra fiumi, foreste, stupa dorati, giganteschi buddha dei wat e le rovine maestose delle perle khmer come Angkor Wat e Wat Pu, si profila anche la Storia più recente, dal colonialismo del Novecento alle conseguenze più recenti della Guerra Fredda in Asia. ? eb

Servizio Online per richiedere la prestazione

Qui ci sarà lo strumento per richiedere questa prestazione o servizio.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o visualizzazione di media. Per vedere quali cookie utilizziamo leggi l'informativa . Chiudendo questo banner o premendo il tasto Accetto o continuando a navigare sul sito si acconsente all'uso dei cookie. Accetto
Tutti i risultati
/ Avvisi, bandi e fatturazione Modifica Contatti Modifica Pin
Aiutaci a migliorare questa pagina Scopri come usare il portale

A decorrere dal 6 giugno 2014 l'Istituto non potrà più accettare fatture che non siano trasmesse in formato elettronico e, trascorsi tremesi da tale data, non potrà procedere ad alcun pagamento, anche se parziale, sino all’invio delle fatture in tale formato.

Questa novità è la conseguenza dell’emanazione del decreto 6 giugno 2013, n. 55 con il quale si è attivato per tutta la pubblica amministrazione il percorso di adeguamento all’utilizzo della fatturazione elettronica nei rapporti economici con ifornitori.

In particolare, come previsto dalla normativa vigente, la trasmissione delle fatture elettroniche destinate all’Istituto deve essere effettuata attraverso il Sistema di Interscambio (SdI) nel quale l’INPSè individuato con un codice univoco, unico per tutto l’Ente, che identifica l’Ufficio Destinatario di Fattura Elettronica (Uff_eFatturaPA) al quale vanno indirizzate obbligatoriamente tutte le fatture. Questo adempimento è necessario per la correttezza formale della fattura medesima e l’effettivo ricevimento della stessa.

Ciò premesso, si comunica che dal 6 giugno 2014tutte le fatture emesse in forma elettronica e destinate a questo Istituto devono essere indirizzate al codice univoco:.

UF5HHG

I necessari chiarimenti per la predisposizione e la trasmissione della fattura elettronica al Sistema di Interscambio si trovanonella pagina .

Istruzioni ed esempi per lacompilazione

Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito web.

: si ricorda che, ai fini di un corretto indirizzamento, liquidazione e pagamento delle fatture elettroniche, è necessario chiedere alle strutture competenti i relativi riferimenti contrattuali se non già comunicati. Per tutte le spese non espressamente escluse dall’utilizzo del codice CIG, la mancanza del riferimento contrattonon permetterà la ricezione e il pagamento delle fatture. Si precisa inoltre che, in caso di raggruppamenti, associazioni temporanee di impresa e consorzi le comunicazioni sono inviate alle imprese mandatarie o capogruppo.

Studio privato

Visita Ginecologica 80€
Pap Test 50€
Ecografia per misurazione translucenza nucale 120€

Citrouille et Compagnie Sandali ISOUMILAR Citrouille et Compagnie VAkL7ONwv

Caricamento in corso. Attendere...

(8 recensioni)

Via san Pio V, 32 , Torino

Studio Ginecologico ed Ecografico Dott.ssa Parise Giuseppina

Infertilità da 120€
Ecografia Ovarica da 80€
Visita di controllo 120€
Disponibile il: ven 29 giu

Caricamento in corso. Attendere...

(1 recensioni)

Via Madama Cristina 15 , Torino

Studio Medico

Visita Ginecologica 80€
Procedura per IVG (legge 194/78) 80€
Consulenze Ostetriche e Ginecologiche 80€
Disponibile il: gio 28 giu

Caricamento in corso. Attendere...

(2 recensioni)

Corso Guglielmo Marconi 35 , Torino

STUDIO MEDICO GINECOLOGICO.

Ecografia transvaginale 80€
Pap Test 30€
Visita Ginecologica + Ecografia Trasvaginale + Pap test 130€

Prenota una visita

Caricamento in corso. Attendere...

(5 recensioni)

Via Villa della Regina, 19 , Torino

Clinica "Santa Caterina da Siena"

Corso Venezia 10 , Torino

Poliambulatorio LARC

HPV test (test per Papillomavirus) 100€
Ecografia morfologica (screening II trimestre) 120€
Batteriologico vaginale semplice o per Streptococco 60€

Prenota una visita

Caricamento in corso. Attendere...

Corso Spezia 60 , Torino

Ospedale Ostetrico Ginecologico Sant’Anna

Via Gioachino Rossini, 20/f , Torino

Eco di Biella
Informative
Contatti
Credits
Servizi informatici provveduti da Dmedia Group SpA Soc. Unipersonale Via Campi, 29/L 23807 Merate (LC) C.F. e P.IVA 13428550159 Società del Gruppo Netweek S.p.A. - Codice fiscale 12925460151